Ghiaccio

Presanalla cresta est

(5 ottobre 2014)

Arrampichiamo su di un pendio costante a 55° di neve dura dalla perfetta consistenza, le punte dei ramponi penetrano completamente senza nessuno sforzo....

La picozza è in appoggio di becca, le condizioni sono ottime e si procede in conserva corta con sintonia e buon ritmo. La grossa crepaccia terminale è ormai superata da circa 200 metri, ognuno è concentrato sui propri movimenti, arrampichiamo simultaneamente ma siamo una sola unità, i nostri movimenti sono sincronizzati e continui; si sposta la picozza e a seguire i ramponi, picozza ramponi, picozza ramponi in modo ripetitivo, sono assorbito dalla mia progressione quando all'improvviso e inaspettatamente succede l'imprevisto.

Il mio compagno che è circa tre metri più in alto scivola silenziosamente, acquista velocità, lo intravedo con la coda dell'occhio passare al mio fianco, cerco di piantare la picozza il più possibile, ma tutto succede in una frazione di secondo e la picozza resta solo appoggiata. La gola mi si stringe e una fiammata carica di terrore mi attraversa il corpo partendo dai piedi e arrivando con inaudita violenza alla testa. Vorrei gridare ma la voce resta soffocata in gola, chiudo gli occhi, smetto di respirare, irrigidisco i muscoli allo spasimo e resto in attesa dello strattone che mi coinvolgerà nella caduta.

I pensieri corrono velocissimi ma, nella dinamica della scena i miei sensi non accettano gli eventi, riprendo a respirare e ancora l'adrenalina fa il suo dovere: frequenza cardiaca e respirazione si lanciano in una corsa sfrenata, il mio corpo è di nuovo pronto all'azione; voglio reagire, devo reagire e lo faccio ora ! Vinco la paura e un impulso parte con prepotenza dal cervello ordinando agli occhi di riaprirsi, ma tutto è ancora buio....

La mia fronte è madida di sudore, controllo la mia posizione ma non mi trovo più nella neve, non capisco! Poi all'improvviso realizzo quanto è accaduto: sono seduto sulla branda del bivacco invernale del rifugio Segantini dopo essermi svegliato da questo pessimo sogno.... Ora in uno stato di eccitazione quasi ingovernabile mi lascio cadere nel sacco a pelo, aspettando il suono della sveglia che non tarderà ad arrivare...

La giornata comincia regolarmente; sveglia alle 5,30 con i soliti preparativi di rito in silenzio, il the caldo, biscotti, della frutta secca, poi si prepara lo zaino e la partenza è dopo un'oretta, prendiamo il sentiero che conduce verso la normale della Presanella  e accompagnato dalla  luce della frontale ripenso al sogno di questa notte, ma i miei pensieri cambiano subito direzione, in quanto nella nostra salita  non abbiamo pendii ripidi da affrontare in conserva. L'alba sopraggiunge e il sole si fa strada tra le nuvole e, ammantando tutto di rosso illumina il maestoso gruppo di Brenta,  sull'orizzonte infuocato si stagliano evidentissimi il Crozzon, la Tosa, Campanile Alto e Basso, gli Sfulmini e cima Brenta; ci fermiamo a contemplare la natura che ci regala l'ennesimo momento magico.

A circa  2.700 m.  piegando a destra ci inoltriamo in discesa nel fondo della val d'Amola in direzione dell'omonima bocca, superiamo il ghiaione dell'instabile morena, passiamo su quello che resta del ghiacciaio e superando un piccolo nevaio ci portiamo sotto la bocca d'Amola. Anni fa la lingua nevosa si protraeva quasi fino alla bocca d'Amola, ora è rimasto un pericoloso fondo terroso che in qualche modo tiene insieme i massi che formano il canale di salita fino al passo a quota 3.076 m. Il canale franoso ci è bastato e preferiamo perdere un pò di quota per evitare il terreno molto instabile della prima parte rocciosa della cresta, scendiamo quindi attraverso un ripido pendio di neve sul versante nord della Presanella cercando un passaggio in discesa nella terminale  per poi superarla ancora in salita con un corridoio di ghiaccio sotto il labbro superiore della crepaccia che si insinua e la attraversa senza fatica facendoci superare il muro verticale che apparentemente sembrava più ostico.

Ora contrariamente alla mia previsione siamo di fronte a un pendio ripido di neve dura da percorrere in conserva.... procediamo a corda tesa e a distanza ravvicinata, l'inclinazione media è di 45°, per un attimo rivedo il sogno di stanotte e appena il terreno si fa più ripido fermo i ragazzi, li assicuro su un picchetto da neve e con un breve tiro mi porto veloce contro la parete rocciosa e, assicurando Stefano e Ivan finalmente abbiamo accesso alla sella dove comincia la cresta vera e propria.

Il primo tratto roccioso è pulito dalla neve e procediamo senza ramponi, alternando lunghi tratti in conserva a dei brevi risalti assicurati;  dopo circa 200 metri di dislivello riappare la neve tra le rocce e contemporaneamente del nevischio comincia a scendere dal cielo, la perturbazione è in anticipo rispetto alla previsione che la dava in arrivo nel tardo pomeriggio, calziamo i ramponi e arrampichiamo su terreno misto, sull'ultima cresta nevosa incrociamo delle tracce provenienti dallo scivolo nord che brevemente ci portano a una corta pala ghiacciata che conduce sulla vetta della Presanella a quota 3.558 m dove veniamo accolti da un timido sole e salutati da una cordata che ha appena salito la nord.

La discesa poi viene "vivacizzata" da una intensa nevicata che nel giro di poco ammanta di bianco tutte le rocce e ci obbliga a tenere calzati i ramponi fino al termine della vedretta sotto il monte Nero.

 

Via: "cresta nord est"

Apertura: E. Kratky e B. Wagner con le Guide J. Grill e B. Nicolussi il 4/08/1981

Ripetizione: Parolari Roberto Uberti Stefano Ivan Amadori il 5/10/2014

Dislivello: 550 m

Difficoltà max: II/III  50°

Avvicinamento: dopo Pinzolo si prende la deviazione per la Val Nambrone, si oltrepassa il rifugio Nambrone e si prosegue fino ad arrivare a malga Vallina d'Amola. Con il sentiero n° 211 si arriva al rifugio Segantini. Dal rifugio seguire la traccia con bolli circolari rossi e bianchi per la via normale della Presanella, percorrere il filo della morena fino a quota 2.700 m circa dove troviamo due grossi ometti e qualche metro prima a sx un bollo circolare. Deviare a dx in discesa e seguire alcuni ometti in diagonale a sx cercando di non perdere troppa quota in direzione della bocca d'Amola. Attraversare la vedretta omonima, salire il nevaio sotto la bocca e per il canale molto instabile portarsi sulla sella a quota 3076 m.

Salita: dalla bocca d'Amoladue possibilità: noi siamo scesi su roccette e pendio di nevesul versante nord fino a superare in discesa la terminale e portarsi sul pianoro che da accesso alla scivolo nord, oltrepassare la terminale e risalire un pendio di neve ghiacciata a 50° fino a raggiungere la marcata sella dove inizia la cresta. La seconda possibilità: dalla bocca attraversare a sx sotto i due gendarmi e su blocchi instabili portarsi in direzione della sella d'inizio della cresta. Dalla sella si supera un tratto ripido spostandosi leggermente a dx, si segue poi abbastanza fedelmente la cresta cercando la linea più facile (tendenzialmente si resta sul lato che si affaccia verso la nord. Nella parte superiore si alternano tratti rocciosi a neve, per poi uscire sulla spalla nevosa, con un ultimo scivolo nevoso si esce a pochi metri dalla croce di vetta

Discesa: per la via normale verso il rifugio Segantini, passando per il bivacco Orobica  si mantiene la sx seguendo i bolli rossi fino all'inizio della ferrata che tende a spostarsi ancora verso sx fino a raggiungere un pendio nevoso sopra la testata superiore della valle di Nardis, si riprende la ferrata che obliquando verso dx porta sulla vedretta di Nardis (possibilità di fare delle corde doppie). Si scende nella vedretta  con linea retta e poi spostandosi verso sx si punta a dx della bocchetta del monte Fumo fino a riprendere la ferrata che verticalmente sale fino al crinale a quota 3170 m per continuare in discesa fino alla vedretta del monte Nero che si attraversa in diagonale verso dx fino a riprendere a sx gli ometti che portano in direzione del filo della morena percorsa durante l'avvicinamento e a ritroso fino al rifugio Segantini,

Materiale:  1 corda da 60 metri, 2 viti da ghiaccio medie, 3/4 friend medi, picozza, ramponi, cordini e fettucce

Download allegati: 

Presanalle cresta est Relazione

Presanalle cresta es itinerario

 

Logo

Extreme Outdoor Adventures
iscriviti alla Newsletter

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Learn more

I understand

Cookie policy

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l’esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l’uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l’applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

I tipi di cookie che utilizzano

Performance cookie

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitare, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento di un sito web. Utilizzando il nostro sito, l’utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito

Google Chrome

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e selezionare Opzioni
  2. Fai clic sulla scheda ‘Roba da smanettoni’ , individua la sezione ‘Privacy’, e seleziona il pulsante “Impostazioni contenuto”
  3. Ora seleziona ‘Consenti dati locali da impostare’

Microsoft Internet Explorer 6.0, 7.0, 8.0, 9.0

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona ‘Opzioni Internet’, quindi fai clic sulla scheda ‘Privacy’
  2. Per attivare i cookie nel tuo browser, assicurati che il livello di privacy è impostato su Medio o al di sotto,
  3. Impostando il livello di privacy sopra il Medio disattiverai l’utilizzo dei cookies.

Mozilla Firefox

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Opzioni”
  2. Quindi seleziona l’icona Privacy
  3. Fai clic su Cookie, quindi seleziona ‘permetto ai siti l’utilizzo dei cookie’

Safari

  1. Fai clic sull’icona Cog nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Fai clic su ‘Protezione’, seleziona l’opzione che dice ‘Blocco di terze parti e di cookie per la pubblicità’
  3. Fai clic su ‘Salva’

Come gestire i cookie su Mac

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito:

Microsoft Internet Explorer 5.0 su OSX

  1. Fai clic su ‘Esplora’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Scorri verso il basso fino a visualizzare “Cookie” nella sezione File Ricezione
  3. Seleziona l’opzione ‘Non chiedere’

Safari su OSX

  1. Fai clic su ‘Safari’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Fai clic su ‘Sicurezza’ e poi ‘Accetta i cookie’
  3. Seleziona “Solo dal sito”

Mozilla e Netscape su OSX

  1. Fai clic su ‘Mozilla’ o ‘Netscape’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Scorri verso il basso fino a visualizzare i cookie sotto ‘Privacy e sicurezza’
  3. Seleziona ‘Abilita i cookie solo per il sito di origine’

Opera

  1. Fai clic su ‘Menu’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Impostazioni”
  2. Quindi seleziona “Preferenze”, seleziona la scheda ‘Avanzate’
  3. Quindi seleziona l’opzione ‘Accetta i cookie ”

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( “Google”) . Google Analytics utilizza dei “cookies” , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google . Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser

http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en.

Contatti

Roberto Parolari

Via Caregno 37/G
25063 Gardone Val Trompia

SItaly

T+39 335 8339653