Ghiaccio

La Mantide (Mantis Pro)

Valle delle Messi (val Camonica)

Non mi era mai capitato di andare a fare una salita senza conoscere il compagno con cui mi lego se non durante la mia attività professionale di Guida Alpina.

Un pomeriggio attraverso Facebook mi arriva da un giovane ragazzo di vent'anni la fotografia di una bella e apparentemente difficile candela che crede non sia mai stata salita. La tentazione è forte, l'allenamento non è dei migliori ma la voglia di mettermi in gioco c'è lo stesso, e nonostante ci sia un po' di preoccupazione per il fatto che dall'altra parte della mia corda non so chi ci sia, accetto quest'appetitoso invito di salirla in sua compagnia! Su Facebook si vede qualsiasi cosa, dalle torte, alle code in automobile, alla discoteca, alle foto di sciate e di salite di tutti i generi:  si prende una foto di montagna, la si associo a una persona che arrampica, si fa un commento e il gioco è fatto... L'immagine però non è completamente a fuoco, ciò che non si riesce a vedere è lo spessore tecnico ma soprattutto psicologico della persona, potremmo sapere quasi tutto quello che fa ma non riusciremo mai ad attraversare l'immagine che la persona  potrebbe aver creato con belle parole o fotografie: in sintesi non conosciamo le reazioni che avrebbe in una situazione di stress.

Nella fotografia dell'invito non si vede la base della candela e mi viene spontaneo chiedere al mio futuro compagno se la candela tocca a terra; la risposta è "certo, certo! " Venerdì 30 gennaio quindi ho appuntamento con Giacomo Rovida ad un bar di Edolo, sarà con noi anche l'amica Giusy Bosio per una passeggiata e con l'occasione per fare delle fotografie. Parcheggiamo il furgone e preparando il materiale la mia scelta di prendere anche materiale da roccia risulterà più che mai azzeccata.

Nella valle delle Messi il vento è sostenuto e la neve scesa durante la notte viene sollevata creando turbini gelidi, la temperatura è di - 7° ma quella avvertita è decisamente inferiore. Le tracce fatte durante il sopralluogo di Giacomo sono sparite ma nonostante ciò saliamo abbastanza spediti, ho davanti un giovane esuberante e ben allenato di Milano con la passione all'esplorazione, che da tre anni vive e studia a Edolo all'Università della montagna e sfrutta ogni occasione per sciare o arrampicare. Giusy sale con calma ma la nostra è l'unica traccia e non c'è possibilità di sbagliare e quando noi siamo pronti per arrampicare lei è in postazione per le fotografie.

Opss !!!! La candela non tocca a terra, ma fortunatamente poco più a destra scende una bella colata e con un traverso di tre metri sembra sia possibile raggiungere il nostro obbiettivo. Le mie piccozze montano un microscopico martello, la roccia sembra difficilmente chiodabile prendo con me perciò il martello da roccia e protetto inizialmente da un paio di buone viti da ghiaccio cerco di piantare un chiodo prima dell'inizio del traverso,  qui il mio passato edile da ancora i suoi frutti: chiodatura con la mano sinistra dal basso verso l'alto in spaccata tra la roccia e il ghiaccio! Il chiodo entra per pochi centimetri poi sembra che non entri più, riposo per un attimo e come d'incanto il chiodo riprende ad entrare, così ancora per due o tre volte ed eccolo dentro tutto ma c'è un piccolo particolare: entrando ha allargato la fessura della lama rocciosa.... Un ulteriore chiodo non da migliori garanzie, sul tratto di dry le lame si ancorano a delle minime tacchette, non sarebbe impossibile ma a causa delle precarie protezioni preferisco  accompagnarmi per un attimo con il rinvio, proseguendo poi in libera fino al ghiaccio e rimontando sul piccolo piedistallo dell'esile candela credo di essere finalmente al sicuro: la prima picozzata mi smentisce.

Un suono sordo accompagnato da un'intensa vibrazione mi fanno cambiare idea, per un attimo cerco una via di fuga ma la strada è solo verso l'alto, i due pessimi chiodi sono ormai lontani, pinzo delle candele con le dita che ormai sono diventate insensibili per il freddo, sopra di me è impossibile chiodare ma con qualche numero riesco a mettere una vite all'altezza del mio piede sinistro, preferisco non pensare a quanto sia buona  e il più delicatamente possibile riprendo a salire facendo poco dopo una sosta intermedia,   avverto Giacomo di accarezzare il ghiaccio con le piccozze che ormai intirizzito dal freddo mi raggiunge in sosta, dove per un attimo siamo riscaldati psicologicamente  dal sole che per qualche secondo fa capolino tra le nuvole. Mi ci vuole un "attimo" prima di ripartire sulla sezione delle candele sospese, ma alla fine dopo aver fatto la consueta pulizia dei festoni faccio un bel respiro e tagliando il cordone ombelicale che mi lega alla "terra ferma" salgo verso l'uscita della cascata subito investito da un forte vento che mi spazza la neve fresca in faccia accompagnandomi fino alla sosta.

Il ruggito del vento copre qualsiasi voce e non mi riesce di comunicare con Giacomo, normalmente con il mio regolare compagno in questi casi l'accordo è: tre strattoni alla corda puoi mollarmi e altri tre puoi partire, ma non mi è venuto in mente di avvertirlo, comunque dopo qualche minuto sento la corda allentarsi segno che è già avvezzo a questo tipo di situazioni e anche lui accompagnato dal  vento sale questo tiro che chiameremo "La Mantide". Il nome prende spunto dal mio recente acquisto della nuova macchina affila chiodi da ghiaccio "Mantis Pro" (Mantide Professionale) la cui forma ricorda la femmina dell'insetto che dopo essersi accoppiata si mangia il maschio.

E' stata una bella giornata e attraverso un social network ho avuto l'occasione di conoscere un giovane promettente, dotato di entusiasmo, voglia di esplorazione, a cui magari un giorno poter passare il "testimone".

Via: “Mantis " (Mantis Pro)

Apertura: Parolari Roberto e Rovida Giacomo il 30/01/2015

Sviluppo: 50 m

Difficoltà max: WI 5+/6, M5, X

Esposizione: sud ovest

Quota attacco: circa m. 1950

Avvicinamento: da Ponte di Legno in val Camonica (BS) si prende la strada in direzione della valle di Pezzo e passo Gavia, si arrivo fino a S. Apollonio e abbandonando la strada del Gavia si entra nella valle delle Messi, si continua su strada innevata parcheggiando fino alle case degli Orti o dove l'innevamento lo consente.

Ora a piedi in circa un ora mantenendo il fondo valle si giunge al ponte del rio Gaviola (cartello sul ponte). La cascata è ben visibile sulla dx in alto, ci si inoltra nella vallettina stando prima a sx del letto del torrente, poi attraversandolo  per pendii ci si porta in obliquo verso dx fino alla base della parete rocciosa e costeggiandola si arriva in circa 45 min alla base del salto.

Note tecniche: salire la colatadi buon ghiaccio a dx della candela che non tocca, traversare poi a sx su roccia fino a raggiungere il ghiaccio, salire ora verticalmente su candelina molto delicata e difficilmente proteggibile, spostandosi verso la roccia a dx, rimontare poi sulla grossa candela sospesa per poi spostarsi a sx e rimontare con un bel passo atletico sull'ulteriore candela sospesa. Proseguire diritti fino alla fine del ghiaccio e per un breve pendio nevoso portarsi contro una piccola placca rocciosa dove si trova la sosta attrezzata su arbusti con cordone e moschettone di calata. Sul tratto di misto sono rimasti due chiodi da roccia non ottimi, di cui uno con kevlar infilato. Noi abbiamo fatto una sosta intermedia a dx contro la roccia prima delle due candele sospese, volendo si può fare in un tiro unico.

Discesa: in doppia da 50 metri.

Download allegati: 

La Mantide relazione.pdf

Logo

Extreme Outdoor Adventures
iscriviti alla Newsletter

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Learn more

I understand

Cookie policy

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l’esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l’uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l’applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

I tipi di cookie che utilizzano

Performance cookie

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitare, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento di un sito web. Utilizzando il nostro sito, l’utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito

Google Chrome

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e selezionare Opzioni
  2. Fai clic sulla scheda ‘Roba da smanettoni’ , individua la sezione ‘Privacy’, e seleziona il pulsante “Impostazioni contenuto”
  3. Ora seleziona ‘Consenti dati locali da impostare’

Microsoft Internet Explorer 6.0, 7.0, 8.0, 9.0

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona ‘Opzioni Internet’, quindi fai clic sulla scheda ‘Privacy’
  2. Per attivare i cookie nel tuo browser, assicurati che il livello di privacy è impostato su Medio o al di sotto,
  3. Impostando il livello di privacy sopra il Medio disattiverai l’utilizzo dei cookies.

Mozilla Firefox

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Opzioni”
  2. Quindi seleziona l’icona Privacy
  3. Fai clic su Cookie, quindi seleziona ‘permetto ai siti l’utilizzo dei cookie’

Safari

  1. Fai clic sull’icona Cog nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Fai clic su ‘Protezione’, seleziona l’opzione che dice ‘Blocco di terze parti e di cookie per la pubblicità’
  3. Fai clic su ‘Salva’

Come gestire i cookie su Mac

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito:

Microsoft Internet Explorer 5.0 su OSX

  1. Fai clic su ‘Esplora’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Scorri verso il basso fino a visualizzare “Cookie” nella sezione File Ricezione
  3. Seleziona l’opzione ‘Non chiedere’

Safari su OSX

  1. Fai clic su ‘Safari’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Fai clic su ‘Sicurezza’ e poi ‘Accetta i cookie’
  3. Seleziona “Solo dal sito”

Mozilla e Netscape su OSX

  1. Fai clic su ‘Mozilla’ o ‘Netscape’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Scorri verso il basso fino a visualizzare i cookie sotto ‘Privacy e sicurezza’
  3. Seleziona ‘Abilita i cookie solo per il sito di origine’

Opera

  1. Fai clic su ‘Menu’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Impostazioni”
  2. Quindi seleziona “Preferenze”, seleziona la scheda ‘Avanzate’
  3. Quindi seleziona l’opzione ‘Accetta i cookie ”

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( “Google”) . Google Analytics utilizza dei “cookies” , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google . Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser

http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en.

Contatti

Roberto Parolari

Via Caregno 37/G
25063 Gardone Val Trompia

SItaly

T+39 335 8339653