Roccia

Piccolo Dain via freccia nel cielo

Ci sono vie che prima o poi vorresti salire e invece  passano svariati anni prima che accada, per alcune il momento si realizza velocemente, per altre aspetti che arrivi l’occasione propizia; il caso ha voluto che tutte le congiunzioni astrali si allineassero con Alessio Avallone, promettente e giovane arrampicatore di Gardone V.T. (pupillo dell’amico Beppe Forte) che assetato di esperienza ha accettato la proposta.

Da parte mia la conoscenza e lo stimolo a voler salire questa via ha origine dal corso guida effettuato nell’ormai lontano 1995, uno dei miei compagni di corso fu Marcello Scarpellini, per l’appunto uno dei quattro apritori della via. L’altro elemento che ha suscitato il mio interesse cade su Ivo Rabanser, valida Guida Alpina e forte arrampicatore con all’attivo la salita di innumerevoli e difficili itinerari.

Dalle informazioni  di Ivo la grossa porzione di parete che era compresa tra la "canna d'organo" di Detassis e la ferrata Pisetta non era ancora stata salita, un tentativo fu fatto da Stenghel e Andreotti sul primo tiro, quindi per la valle del Sarca risultava ancora un problema irrisolto. La via fu aperta in due cordate: il primo giorno Rabanser e Comploi restarono in testa; il successivo, Scarpellini e Mazzotti (dopo il bivacco in parete) terminarono l'itinerario fino al bosco sommitale.

I gradi sulla carta non presentano difficoltà eccessive, ma conoscendo il “calibro” dei primi salitori immagino che non sarà una passeggiata.

Sul primo tiro le difficoltà si presentano subito con un passaggino di placca protetto da un chiodo che sono riuscito a piantare solo per metà…, le protezione poi sono affidate quasi interamente a cordini strozzati su arbusti. La vegetazione rende difficoltoso ed a volte quasi impossibile arrampicare in modo fluido e veloce, la presenza dell'erba cresciuta nell’arco degli anni fa risultare poco piacevole la salita di questo itinerario, comunque districandomi tra il verde arrivo alla prima sosta.

Alessio sul secondo tiro è subito chiamato a risolvere un difficile passaggio e, dopo essere ritornato più volte sui suoi passi, riesce a proteggersi con un buon chiodo a U (che resterà in loco) arrivando con sorpresa ad un vecchio e arrugginito spit, che lo porta attraverso una bella lama fino alla sosta; la relazione recita VI+ A1 all’inizio e A0 poi, ma si passa in libera lasciando le difficoltà  quasi immutate. La qualità della roccia non è eccellente e nel terzo tiro  passiamo senza difficoltà in libera il tratto di A0.

Le difficoltà calano ma la vegetazione aumenta, un altro tiro non difficile ci porta alla sosta minacciata da tre massi della dimensione di una radio, un televisore e un frigorifero... accuratamente appoggiati uno sopra l’altro! Lo schizzo non è molto chiaro, pare si debba passare proprio di lì; mi alzo proteggendomi al meglio con un friend e un nut, arrivato all’ostacolo, mi rendo conto che sarebbe insensato  passare in quel punto dato che la sosta e Alessio sono proprio sotto di me!

Arrampico a ritroso e trovo a sx una scappatoia dalla futura frana che mi riporta sulla retta via fino all’ennesimo vecchio spit: preferirei trovare un buon vecchio chiodo piantato a fondo in una fessura, ma questo è quello che passa il convento. Provo la libera ma la protezione non mi esalta, passo all’artificiale ma l’altro spit è decisamente troppo lontano per l’A1, mi proteggo con un micro friend, stò per lanciarmi nella libera ma improvvisamente un chiodo compare tra i ciuffi d’erba, con un paio di passi ulteriori mi porto a sinistra su difficoltà meno sostenute ma su terreno friabile fino alla sosta.

“Ok, molla” grido al mio compagno che, con un gemito qualche metro dopo la partenza e una scivolata farà andare improvvisamente  in tensione la corda … Sesto tiro: roccia non eccellente, tantissima vegetazione, sporco che entra negli occhi, due chiodi decisamente inaffidabili e ogni tanto qualche sasso che si stacca; mi consolo con il panorama; sotto di noi il castello di Toblino, caratterizzato dalla lunga cinta merlata che ne evidenzia la passata natura difensiva, si riflette nelle limpide acque dell'omonimo lago; oggi l'antica  proprietà vescovile è stata trasformata in un ristorante.

Le ore sono passate troppo velocemente, un rapido calcolo ci fa capire che abbiamo buone probabilità di finire la via con il buio, decidiamo quindi senza troppo rimpianto di scendere.

L'itinerario per il suo valore storico/alpinistico, la difficoltà e l'ingaggio meriterebbe maggiore attenzione ma, a causa della vecchia attrezzatura, la vegetazione presente in parete e alcune sezioni decisamente friabili sta finendo nell’oblio; noi sappiamo della salita di S. De Toni, D. Sandrini e Walter Baronio del 2008, di Yuri Parimbelli e Daniele Calegari del 2006/2007 e, a detta di Ivo Rabanser, la via conta altre 2 o 3 ripetizioni.

Ho pensato quindi che, per rivalorizzare l'itinerario, sarebbe necessario un restyling, senza modificare troppo il terreno d'avventura che caratterizza la via (chiedendo naturalmente prima l'opinione degli apritori). L'intenzione è di calarsi dall’alto togliendo i massi pericolanti, chiodare delle soste nuove, sostituire i vecchi chiodi con altri nuovi, cambiare gli spit con fix, ripulire le fessure intasate dall’erba e per ultimo, la rimozione della vegetazione in eccesso cresciuta nell'arco degli anni.

 “freccia nel cielo“

I.Rabanser, S.Comploi, P.Mazzotti, M.Scarpellini 1992

Parolari Roberto  Avallone Alessio il 19/10/2013 solo fino al 6° tiro, le indicazioni oltre la nostra salita sono prese dalla guida di Filippi su relazione di Ivo Rabanser  e dal blog di Sandro de Toni con relazione del 2008)

Sviluppo: 450 m

Difficoltà max: VII+ in libera, (VI+ A1) R4, IV; (tecnica, chiodatura, ambiente)

Attacco:     Da parcheggio di Sarche (nei pressi della chiesa) prendere il sentiero che và in direzione della ferrata Pisetta seguendo i bolli rossi e alcune corde fisse. Quando si arriva sotto la parete e sulla verticale del pilastro Massud, prendere il sentiero a sx e passare sotto l'attacco della suddetta via (nome sulla parete), fino ad arrivare all'evidente e profondo camino, al quale si accede con quattro metri di III°, ora in pochi minuti (50 metri) su terreno ripido si arriva a uno spiazzo esposto (dal quale si vede bene il primo tiro) , l'attacco si trova nel boschetto a dx

Discesa: conviene scendere per la normale di discesa della ferrata Pisetta andando a sx all'uscita della via fino a incontrare l'evidente sentiero che riporta a valle. In alternativa dall'uscita della via obliquare a destra su cengie erbose in direzione di un profondo canale, oltrepassandolo si trova l'uscita della ferrata.

Materiale:  friends (fino al 3 camelot) anche micro, nuts, cordini, 2 corde da 60m, martello e una scelta di chiodi.

Relazione 

Dettaglio tiri

lunghezza – difficoltà

Materiale sul tiro

 

Materiale in sosta

Note

1° tiro

30m

VI

niente

2 chiodi

In obliquo verso sx fino a prendere un sistema di fessure e diedrini ostacolati da vegetazione

2° tiro

30m

VII-

(VI+A1)

1 chiodo 1 spit

1 chiodo e pianta

Salire diritti sopra la sosta fino al chiodo, attraversare ora a sx fino ad entrare nel diedro, traversare poi a dx (spit) e seguire la lama fino al pulpito con sosta

3° tiro

30m

VI+

(V+ A0)

1 spit

1 chiodo e pianta

 

Diritti per placca sopra la sosta fin sotto al tetto, traversare a sx per ritornare alla fessura sotto il tetto, seguirla fino alla fine del tetto (spit), rimontarlo e per diedro arrivare in sosta

4° tiro

35m

V+

niente

1 spit

Proseguire sfruttando la lama, oltrepassando faticosamente degli arbusti, spostarsi a dx e poi diritti fino a una pianta

5° tiro

45m

VII+

(VII- e A1)

 

2 spit 1 chiodo

pianta

Subito in obliquo a sx (no diritti !!) puntando poi al primo spit, poi appena sopra chiodo e ancora a sx spit, uscire ancora sx su terreno più facile ma friabile, andando poi a dx orizzontalmente, proseguire prima diritti un paio di metri e di nuovo a destra fino alla base del diedro.

6° tiro

20m

VI+

2 chiodi

pianta

Superare la placca a sx del diedro prendere poi il diedro, seguirlo e andare a sostare su pianta

7° tiro

25m

VI

1 chiodo

 

3 chiodi

 

Nel diedro e alla sua sx per esili fessure. Uscirne a sx sotto tetti fino a un albero. Di qui per lama e strapiombo a dx alla comoda sosta su pulpito

8° tiro

20m

VI+

1 spit

2 chiodi

Diedro sopra la sosta. Al suo termine a dx per rocce erbose

9° tiro

15m

VI+

 2 chiodi

2 chiodi

A dx superare una placca con toppe d'erba, poi a sx per muro lichenoso fino a sostare sotto i tetti.

10° tiro

20m

V+

niente

2 chiodi

Superare il tettino, spostarsi un pò a sx e seguire un diedrino fino alla sosta

11° tiro

25m

VII-

(VI e A1)

1 chiodi

2 chiodi

Percorrere la fessurina sopra la sosta, poi placca di rocce rotte fino a uscire a dx e andare a sostare a due chiodi scomodamente

12° tiro

20m

V+

niente

Pianta

Spostarsi a dx e risalire un evidente diedro giallastro uscendo al suo termine su ampia cengia con piante (bivacco dei primi salitori)

13° tiro

15m

II

niente

1 chiodo

In traverso a sx per cengia che si restringe  fino a sosta

14° tiro

45m

VII-

1 spit

1 chiodo

1 chiodo

pianta

Proseguire direttamente su placca rotta incisa da un diedrino fino a una nicchia gialla uscendo a sx (1chiodo a U nella nicchia). Poi diritti per diedro giallo e rocce con erba fino alla sosta tra alberi.

15° tiro

40m

V

niente

(eventuali 2 ch di sosta)

Pianta fuori dalla parete

Appena a sx; poi diritti per canale con grandi massi sospesi. Si può tralasciare la sosta che si incontra su terrazzino alla fine della parete e attrezzare un punto di fermata nel bosco terminale

Download allegati:

Piccolo Dain via freccia nel cielo RelazionePippo

Piccolo Dain via freccia nel cielo foto Itinerario

Piccolo Dain via freccia nel cielo Schizzo

Logo

Extreme Outdoor Adventures
iscriviti alla Newsletter

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Learn more

I understand

Cookie policy

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l’esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l’uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l’applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

I tipi di cookie che utilizzano

Performance cookie

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitare, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento di un sito web. Utilizzando il nostro sito, l’utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito

Google Chrome

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e selezionare Opzioni
  2. Fai clic sulla scheda ‘Roba da smanettoni’ , individua la sezione ‘Privacy’, e seleziona il pulsante “Impostazioni contenuto”
  3. Ora seleziona ‘Consenti dati locali da impostare’

Microsoft Internet Explorer 6.0, 7.0, 8.0, 9.0

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona ‘Opzioni Internet’, quindi fai clic sulla scheda ‘Privacy’
  2. Per attivare i cookie nel tuo browser, assicurati che il livello di privacy è impostato su Medio o al di sotto,
  3. Impostando il livello di privacy sopra il Medio disattiverai l’utilizzo dei cookies.

Mozilla Firefox

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Opzioni”
  2. Quindi seleziona l’icona Privacy
  3. Fai clic su Cookie, quindi seleziona ‘permetto ai siti l’utilizzo dei cookie’

Safari

  1. Fai clic sull’icona Cog nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Fai clic su ‘Protezione’, seleziona l’opzione che dice ‘Blocco di terze parti e di cookie per la pubblicità’
  3. Fai clic su ‘Salva’

Come gestire i cookie su Mac

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito:

Microsoft Internet Explorer 5.0 su OSX

  1. Fai clic su ‘Esplora’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Scorri verso il basso fino a visualizzare “Cookie” nella sezione File Ricezione
  3. Seleziona l’opzione ‘Non chiedere’

Safari su OSX

  1. Fai clic su ‘Safari’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Fai clic su ‘Sicurezza’ e poi ‘Accetta i cookie’
  3. Seleziona “Solo dal sito”

Mozilla e Netscape su OSX

  1. Fai clic su ‘Mozilla’ o ‘Netscape’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Scorri verso il basso fino a visualizzare i cookie sotto ‘Privacy e sicurezza’
  3. Seleziona ‘Abilita i cookie solo per il sito di origine’

Opera

  1. Fai clic su ‘Menu’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Impostazioni”
  2. Quindi seleziona “Preferenze”, seleziona la scheda ‘Avanzate’
  3. Quindi seleziona l’opzione ‘Accetta i cookie ”

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( “Google”) . Google Analytics utilizza dei “cookies” , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google . Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser

http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en.

Contatti

Roberto Parolari

Via Caregno 37/G
25063 Gardone Val Trompia

SItaly

T+39 335 8339653