Ghiaccio

Cima Brenta via vento di ghiaccio

Durante la vacanza abituale di fine ottobre in compagnia di mia moglie, questa volta siamo a Creta (mare, arrampicata e tanto pesce), l'amico Daniele Frialdi mi avvisa che sta aprendo una via di misto in Brenta; incuriosito al mio rientro propongo a Andrea Tocchini di andare a ripeterla; il giorno seguente anche Giulia Venturelli si unirà a noi.

La via ha uno sviluppo di circa 400 metri, dalle 3 alle 4 ore di avvicinamento, due ore di macchina per arrivare a Campiglio e quindi decidiamo per una partenza antelucana: ore 4,30 appuntamento a Nozza...

Alle sei stiamo parcheggiando in Vallesinella, la nostra prima tappa sarà il bivacco invernale del rifugio Tuckett che, dopo un restyling interno, è ora in grado di disporre di due camere con sei nuovi posti letto senza che si formi il ghiaccio all'interno... La neve ha imbiancato solo le cime più alte, il fondovalle ha i colori di un autunno che stenta a partire, le piante sono ancora cariche di foglie, i larici non abbandonano i loro aghi e la piacevole temperatura ci permette una rapida salita con indumenti leggeri. La neve comincia a comparire timida poco sotto il rifugio, ma l'ambiente circostante non ha le tipiche caratteristiche di questo periodo; ghiaccioli e brina sono totalmente assenti, il fiato non condensa e il sudore imperla la nostra fronte.

In poco più di tre ore siamo all'attacco della via, la poca neve recente ha solo leggermente coperto quello che resta del ghiacciaio sotto la bocca di Tuckett, siamo quindi obbligati a calzare i ramponi per evitare scivolate pericolose sul ghiaccio presente.

Questa zona è stata teatro di diverse mie ascensioni e, durante il cammino, i ricordi riaffiorano nella  mente: dalle salite invernali sulle  Bocchette, alle aperture di nuove cascate, le veloci corse sullo scivolo nord, i tentativi respinti per lunghi anni, gli zaini pesanti, la neve profonda fino alla vita, vento, freddo, paure, delusioni e soddisfazioni; con piacere descrivo ai miei due compagni le vie già salite, quelle potenziali e un aneddoto proprio sul punto dove ci troviamo: anni fa, in un giorno solitario e caratterizzato da forte vento, un precario lastrone di neve si  frattura sotto i miei piedi, inizia la sua corsa verso il basso e poi fortunatamente si ferma, dandomi il tempo per una delicata fuga su delle rocce vicine....

Durante le brevi pause osserviamo il tracciato del nostro obbiettivo, sembra una via molto logica, l'attacco è evidente sotto una corta colata di ghiaccio, si sviluppa lungo pendii nevosi intervallati da qualche breve tratto di misto, per poi puntare   un camino obliquo verso sx. La prima a partire è Giulia e, visto che non ho mai arrampicato con lei (se non in falesia), sono curioso di vedere come si muove, anche se il suo curriculum parla chiaro. La ragazza sa il fatto suo e quindi la lasciamo fare, sale spedita senza esitazioni, noi seguiamo prestando poca attenzione alla dettagliata relazione di Daniele, con il risultato che in tre ore e un quarto con qualche breve variante siamo baciati dal sole che spunta da dietro la cima.

Sotto di noi a sinistra osserviamo l'ormai inesistente seracco di cima Brenta che,  fino a 15/20 anni fa arrivava al termine delle rocce impennandosi fino a 75° di pendenza, mentre ora si presenta con un pendio a 45° arretrato e diminuito in altezza di almeno 50 metri !!! Tutto la giornata passa in un clima sereno e scherzoso, la difficoltà ce lo consente, le doppie sono ben attrezzate e la discesa di normale amministrazione, il tempo è buono, cominciano  solo a salire un po' di nuvole dalla valle. Siamo più che in anticipo sulla tabella di marcia, ripassiamo dal bivacco e, come da previsione meteo, cominciano a cadere i primi fiocchi di neve che si trasformano presto in una pioggia continua. Poco male, un veloce cambio di abiti e via verso le rispettive case.

Un resoconto merita anche la salita di Daniele e Jonny fatta in due tempi: partiti verso il seracco con l'intenzione di salire le colate di sinistra, riscontrando alte temperature decidono di salire il camino della seconda parte della via e, cercando ingaggio in una giornata che sembrava persa, forzano qualche passaggio per aumentare la difficoltà. Durante la discesa  proseguono con le doppie anche nella zona sottostante il camino e, verificando la possibilità di allungare l'itinerario, ritornano a distanza di due settimane, percorrono altri quattro tiri e salgono lungo una fessura scoperta durante la discesa precedente. Noi nella nostra ripetizione abbiamo seguito la linea che ci sembrava più logica differendo un poco dall'originale, quindi gli eventuali ripetitori avranno la possibilità di aumentare l'impegno seguendo la prima salita o farsi portare dall'istinto mantenendosi su difficoltà più moderate.

In ogni caso una salita che vale la pena di essere ripetuta per l'ambiente glaciale che non è classico delle Dolomiti di Brenta.

Via: “vento di ghiaccio“ a cima Brenta

Apertura: Frialdi Daniele e Duina Gianfranco il 26/10/2013 e 9/11/2013

1° ripetizione: Parolari Roberto, Venturelli Giulia e Tocchini Andrea  il 14/11/2013

Sviluppo: 350 m

Difficoltà max: WI 3, M5, III

Attacco:     Da Madonna di Campiglio prendere la strada che conduce al rif. Vallesinella (quando l’innevamento lo consente). Parcheggiare al rifugio , prendere il sentiero per il rifugio Casinei e quindi per il rifugio Tuckett. Dal rifugio proseguire in direzione della bocca di Tuckett,  risalire il nevaio in direzione dello scivolo nord, prima della strettoia dello scivolo deviare a dx per evidenti terrazzini di neve, spostarsi per circa 150-200 metri fino all'evidente colata che caratterizza il 1° tiro (chiodo con cordino rosso).

Discesa: in doppia lungo la via. Alla penultima doppia (S2 2chiodi) si può scendere in obliquo verso sx (faccia a valle) per il pendio nevoso che finisce con un piccolo risaltino di roccia-ghiaccio che  riporta sul pianoro a pochi metri dall'attacco della via

Materiale:  2/3 viti corte, friends (fino al 3 camelot), nuts, cordini, 2 corde da 60m, qualche chiodo da roccia.

 Relazione 

Dettaglio tiri

lunghezza – difficoltà

Materiale sul tiro

 

Materiale in sosta

Note

1° tiro

60m

WI 3

neve 40°

cordino rosso su clessidra

1 chiodo con moschettone, 1 nut senza cordino

Salire la colata e  portarsi sul pendio di neve (45°-50°) e risalirlo in obliquo a dx puntando alla parete rocciosa. La sosta  si trova a corde finite.

2° tiro

40m

neve 40°/45°

//

2 chiodi e fettuccia rossa

Proseguire in obliquo a sx per il pendio di neve costeggiando la parete, puntare ad un risalto roccioso verticale solcato da una netta fessura.

3° tiro

55m

M5

cordino viola in clessidra

1 chiodo, 1 nut e 1 clessidra

Salire direttamente la fessura verticale a dx della sosta proseguendo su  neve ghiacciata.  Proseguire ora nel vago canale e pochi metri dopo il cordino aggirare una gobba nevosa sulla destra, su dritti per risaltini e pendio di neve/ghiaccio fino alla sosta  sotto un grosso masso che forma una piccola grotta

4° tiro

55m

neve a 50° M

//

2 chiodi con cordino rosso

Risalire alcuni facili risalti di roccia-ghiaccio, poi x un aperto pendio  risalire fino ad una evidente grotta dove si sosta

5° tiro

55m

neve a 45° M

//

cordino azzurro in clessidra

Uscire a dx della sosta, proseguire lungo il canale nevoso, superare una strozzatura rocciosa  e entrando nel camino andare a sostare a sx su un terrazzino

6° tiro

25m

M4

//

2 chiodi con cordino

Risalire il camino (di sx) evidente fino al suo termine, proseguendo nel canale nevoso fino a trovare sulla parete di destra la sosta

7° tiro

60m

neve a 50°

//

2 chiodi con cordino giallo

Proseguire qualche metro nel canale nevoso e alla sua fine spostarsi  a dx e risalire il pendio nevoso fino a fine corda

Download allegati: 

Cima Brenta via vento di ghiaccio Relazione Apertura

Cima Brenta via vento di ghiaccio Relazione Ripetizione

Cima Brenta via vento di ghiaccio itinerario

Logo

Extreme Outdoor Adventures
iscriviti alla Newsletter

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Learn more

I understand

Cookie policy

Per rendere il nostro sito più facile ed intuitivo facciamo uso dei cookie. I cookie sono piccole porzioni di dati che ci permettono di confrontare i visitatori nuovi e quelli passati e di capire come gli utenti navigano attraverso il nostro sito. Utilizziamo i dati raccolti grazie ai cookie per rendere l’esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

I cookie non registrano alcuna informazione personale su un utente e gli eventuali dati identificabili non verranno memorizzati. Se si desidera disabilitare l’uso dei cookie è necessario personalizzare le impostazioni del proprio computer impostando la cancellazione di tutti i cookie o attivando un messaggio di avviso quando i cookie vengono memorizzati. Per procedere senza modificare l’applicazione dei cookie è sufficiente continuare con la navigazione.

Visita AboutCookies.org per ulteriori informazioni sui cookie e su come influenzano la tua esperienza di navigazione.

I tipi di cookie che utilizzano

Performance cookie

Questi cookie raccolgono informazioni su come gli utenti utilizzano un sito web, ad esempio, quali sono le pagine più visitare, se si ricevono messaggi di errore da pagine web. Questi cookie non raccolgono informazioni che identificano un visitatore. Tutte le informazioni raccolte tramite cookie sono aggregate e quindi anonime. Vengono utilizzati solo per migliorare il funzionamento di un sito web. Utilizzando il nostro sito, l’utente accetta che tali cookie possono essere installati sul proprio dispositivo.

Come gestire i cookie sul tuo PC

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito

Google Chrome

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e selezionare Opzioni
  2. Fai clic sulla scheda ‘Roba da smanettoni’ , individua la sezione ‘Privacy’, e seleziona il pulsante “Impostazioni contenuto”
  3. Ora seleziona ‘Consenti dati locali da impostare’

Microsoft Internet Explorer 6.0, 7.0, 8.0, 9.0

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona ‘Opzioni Internet’, quindi fai clic sulla scheda ‘Privacy’
  2. Per attivare i cookie nel tuo browser, assicurati che il livello di privacy è impostato su Medio o al di sotto,
  3. Impostando il livello di privacy sopra il Medio disattiverai l’utilizzo dei cookies.

Mozilla Firefox

  1. Clicca su “Strumenti” nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Opzioni”
  2. Quindi seleziona l’icona Privacy
  3. Fai clic su Cookie, quindi seleziona ‘permetto ai siti l’utilizzo dei cookie’

Safari

  1. Fai clic sull’icona Cog nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Fai clic su ‘Protezione’, seleziona l’opzione che dice ‘Blocco di terze parti e di cookie per la pubblicità’
  3. Fai clic su ‘Salva’

Come gestire i cookie su Mac

Se si desidera consentire i cookie dal nostro sito, si prega di seguire i passaggi riportati di seguito:

Microsoft Internet Explorer 5.0 su OSX

  1. Fai clic su ‘Esplora’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Scorri verso il basso fino a visualizzare “Cookie” nella sezione File Ricezione
  3. Seleziona l’opzione ‘Non chiedere’

Safari su OSX

  1. Fai clic su ‘Safari’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Fai clic su ‘Sicurezza’ e poi ‘Accetta i cookie’
  3. Seleziona “Solo dal sito”

Mozilla e Netscape su OSX

  1. Fai clic su ‘Mozilla’ o ‘Netscape’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona l’opzione “Preferenze”
  2. Scorri verso il basso fino a visualizzare i cookie sotto ‘Privacy e sicurezza’
  3. Seleziona ‘Abilita i cookie solo per il sito di origine’

Opera

  1. Fai clic su ‘Menu’ nella parte superiore della finestra del browser e seleziona “Impostazioni”
  2. Quindi seleziona “Preferenze”, seleziona la scheda ‘Avanzate’
  3. Quindi seleziona l’opzione ‘Accetta i cookie ”

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( “Google”) . Google Analytics utilizza dei “cookies” , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito . Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet. Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google . Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google. Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser

http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en.

Contatti

Roberto Parolari

Via Caregno 37/G
25063 Gardone Val Trompia

SItaly

T+39 335 8339653